ULTIMO NUMERO
ACQUISTA ORA

I fratelli Gadda, soldati

Sempre difficile immaginare Carlo Emilio Gadda giovane. Qui, nella Guerra di Gadda, appena uscito per Adelphi, l’ingegnere in blu, come l’ha soprannominato Arbasino, è un ventenne con la divisa da alpino. Volontario della Grande Guerra, da lui tanto auspicata – scese...

Un attimo

(illustrazione: Taxi di Ivan Haidutski) Quando Lenin se n’andò, era come se l’albero avesse detto alle foglie: Io vado. Bertolt Brecht, Cantata per la morte di Lenin   17 aprile, 2020 14.45 – Pronto? – Pronto, salve Giovanni. Sono Malia, l’infermiera...

Lila e la letteratura

A pochi anni dalla fine della saga dell’Amica geniale tutti sappiamo quale sia stata la fortuna di Elena Ferrante, conosciamo i nomi di chi si è entusiasmato per quei romanzi e di chi invece, in minoranza, li ha criticati. La discussione si è assestata in fretta a...

Irene Brin, Le perle di Jutta

Nella meravigliosa Villa Rossi di Sasso di Bordighera, la casa di famiglia in cui Irene Brin trascorse lunghe estati e trovò sempre conforto, un baule di pelle ha saputo custodire un prezioso segreto per ottantadue anni: Le perle di Jutta, il primo e unico romanzo...

Occhi di lince

In quel pomeriggio, cocci di vetro sugl’aridi muri, emanano una luce non vera. La strada sterrata porta l’odore della terra letargica e l’ombra dei pruni una consolazione momentanea. Occhi di lince ti sta spiando da destra a sinistra. La tua macchina è arrivata ormai...

Sempre rischiando…

Sempre rischiando assurdità
e morte
ogniqualvolta si esibisce
in alto sulle teste
della sua platea
il poeta come un funambolo
scala rime
fino all’altissimo filo fatto di sua mano
e in equilibrio sulla trave degli sguardi
al disopra di un mare di facce
passo passo arriva
all’altro capo del giorno
eseguendo capriole
e trucchi di prestipiedazione
e altri eccelsi istrionismi
e tutto senza prendere
niente
per quel che non può essere

Perché lui è il super-realista
che deve per forza percepire
la verità tesa
prima di prendere qualsiasi posizione o fare un passo
nel suo presunto avvicinamento
a quella piattaforma ancora più alta
dove Bellezza sta e aspetta
con gravità
di spiccare il salto che sfida la morte

E lui
omuncolo chapliniano
che forse afferrerà o forse no
quella leggiadra forma immortale
che si libra a braccia aperte nell’aria vuota
dell’esistenza

(Traduzione di Damiano Abeni e Moira Egan)

One Hidden Stuff

One Hidden Stuff

Quattro poesie nella traduzione inedita di Stefano Bottero da One Hidden Stuff (Penguin, 2006).   CANZONE E se davvero fossero onde, onde soltanto a disporre sulla riva spezzata la propria pace senza tregua, il fermarsi tra sé stesse simile a un respiro trattenuto prima di essere espirato come musica nell’aria. Non mi è forse mancato da sempre l’oceano, il modo in cui il suo sale mi ha trattenuta a galla nel bagnato, l’aria più calda avanti dell’acqua indietro, la linea solvibile tra...

leggi tutto

RUBRICHE

 

Lexotan

a cura di

Giulio Silvano

Coccodrilli

a cura di

Giorgio Nisini

Melotecnica

a cura di

Elisa Casseri

Kintsugi

a cura di

Filippo Rosso

Il quinto Stato

a cura di

Luigi Loi

L’isola deserta

a cura di

Francesca Ferrandi

La nona nuvola

a cura di

Marta Viazzoli

La rete aveva un solo buco

a cura di

Ilaria Giudice

Leggere ai tempi

dei Social Network