Fiction

Sparizioni

Sparizioni

Fiction
C’erano tre gradini da salire, subito dopo il cancello. Poi una porta a vetri. Sulla destra, la portineria dove una suora era china su un tavolo in formica. Elena suonò il campanello e la suora alzò la testa quel tanto che bastava per guardarla, poi avvicinò le dita rattrappite sul pulsante. Lo pigiò un paio di volte, ma la porta non si aprì. Fece un gesto della mano come a dire: “aspetta”. Elena la vide sparire dalla portineria e ricomparire di fronte alla porta a vetri. Era gobba, e così magra che sembrava che le ossa potessero spezzarsi da un...
Leggi altro
Il primo nipote

Il primo nipote

Fiction
Il primo nipote maschio non era amato dalla nonna perché era maschio e aveva la testa a pera. Alla madre aveva fatto male partorirlo. Era un secondo figlio e quindi più carino del primo, col suo faccione pallido e i suoi occhi indagatori. Alla nonna non piaceva che il bambino stesse sempre a toccarsi: «Metti via quel coso. Fa schifo!». Tutti in famiglia pensavano che la nonna fosse gay. Quando al primo nipote stava per cadere il primo dente, la nonna lo portò in salotto...
Leggi altro
Petronilla – Una storia crudele

Petronilla – Una storia crudele

Fiction
Per gentile concessione della casa editrice “Ad est dell’Equatore”. Tratto dalla raccolta di racconti “Polvere per scarafaggi” di Nando Vitali, pubblicato a Marzo 2019. Nota introduttiva (dalla prefazione di Francesco De Core) Vitali elabora, annota, cuce, chiosa senza mai giudicare, non c’è traccia di sentenza nella sua scrittura affilata e raffinata, ma una pietas e una curiosità indagatrice che allargano lo sguardo e il cuore, anche quando il cuore pare soccombere, e il male – come quasi sempre accade – prevalere come macigno che non...
Leggi altro
I primi figli

I primi figli

Fiction
I primi figli sono piccoli e schiacciati. Bisogna fare attenzione a non romperli. Le sorelle li tengono in braccio. Sembrano bambini indiani. Forse perché li strizzano così forte da farli diventare viola. I primi figli stanno in piedi sugli sgabelli del bagno in mutande. Si appoggiano su un fianco alla volta cantando le canzoni della radio. Tengono in mano le forbici e prima che tu possa dire nulla, si tagliano una ciocca di capelli. Ma che fanno? Si tagliano i capelli? Ti fissano con aria...
Leggi altro
Inchiostro blu

Inchiostro blu

Fiction
Il parco era pieno di gente, proprio come aveva detto lui. C’erano biciclette che sfrecciavano da tutte le parti, bambini che correvano e passeggini ovunque. Era il giorno di Natale eppure non faceva freddo, il sole era tiepido, quasi primaverile. Proprio come aveva detto lui. Tutto insopportabile. Quella mattina, nascosta dietro il portone, Gaia aveva visto sua madre salire sul taxi. Era quasi inciampata sui tacchi quando lui le aveva aperto lo sportello e da dietro il finestrino gli aveva rivolto un sorriso ebete. Il...
Leggi altro
L’amicizia al tempo delle paranoie

L’amicizia al tempo delle paranoie

Fiction
Negli archivi di Nuovi Argomenti abbiamo trovato questo contributo di Tommaso Pincio. Era il numero Atlantide di aprile-giugno 2005 e si parlava di Luoghi e personaggi sommersi.   Sono passati dieci anni e non sembra ieri. Dieci anni da quel tetro mattino di aprile del 1994 in cui un elettricista scoprì il corpo disteso e senza vita di Kurt Cobain, leader dei Nirvana e profeta, malgrado lui di un’intera generazione che faticava a trovare se stessa. Non fu un fulmine a ciel sereno. Soltanto un...
Leggi altro