ULTIMO NUMERO
ACQUISTA ORA
Memoria di ragazza

Memoria di ragazza

Nel 2016 Annie Ernaux ha pubblicato, con il prestigioso editore Gallimard, Mémoire de fille, un racconto autobiografico che concentra, in poco più di centocinquanta pagine, uno scorcio della vita dell’autrice, più precisamente di quel lasso di tempo che va dall’estate del 1958 all’autunno del 1960. Di questa formidabile donna ed incredibile scrittrice sarebbe bello parlare un po’, ma è anche vero che, chi la conosce e la ama, sa già quel che c’è da sapere; è la sua vita, infatti, il costante e sempre presente...
Leggi altro
Ottobre – Gadda e Flaiano giornalisti

Ottobre – Gadda e Flaiano giornalisti

L’opera gaddiana, che Arbasino chiama «sardanapalesca» e «pantagruelica», può risultare incompleta senza esplorarne i suoi saggi dispersi, che Adelphi ha raccolto sotto il titolo di “Divagazioni e Garbuglio”. La lingua di Gadda, che i detrattori chiamano barocca («dicerie artatamente denigratorie»), è poco adatta ai giornali di massa; l’ingegnere sembra avercela con Buzzati, in quegli anni star del Corriere. Buzzati è «uno scrittore che sa far l’inglese con la pipa, alla facciaccia di chi crede nelle pipe o pippe che siano, lo si paga, lo si...
Leggi altro
La Vérité sur “Dix Petits Nègres” – Intervista a Pierre Bayard

La Vérité sur “Dix Petits Nègres” – Intervista a Pierre Bayard

Cosa direbbe Hercule Poirot leggendo il libro di Pierre Bayard, non è dato saperlo. Il capolavoro di Agatha Christie, uno dei romanzi più tradotti e venduti nella storia dell’editoria mondiale, viene accusato di averci mentito per un secolo sull’identità dell’assassino. Sulle tracce del misfatto si è messo un segugio molto particolare: un altro scrittore, che aveva già “sabotato” il finale di L’assassinio di Roger Ackroyd, di Il mastino dei Baskerville, e persino quello dell’Amleto di Shakespeare, alla fine del quale l’uomo del dubbio non si...
Leggi altro
La Fortezza di Dino Buzzati

La Fortezza di Dino Buzzati

«Non exiguum temporis habemus, sed multum perdidimus.» Non abbiamo poco tempo, è che ne perdiamo molto. Così Seneca, nel trattato filosofico Sulla brevità della vita, ammonisce il suo amico Paolino dal fare cattivo uso del tempo di cui dispone. Chi si affanna fra un’attività e l’altra è destinato a percepire la sua vita come breve perché circoscritta all’istante presente che, effimero, scorre come un fiume tam velociter, tam rapide. Privato da se stesso della propria autonomia, l’occupato è costantemente immerso in attività futili e inutili,...
Leggi altro
Il primo ministro

Il primo ministro

È arrivata la notizia: «È morto il primo ministro.» Facciamo una corsa per andare a mostrare il nostro lutto. È una figura pubblica e il suo corpo è messo in vista in modo che tutti gli possano dire addio. La bara è su un palco all’interno di una cappella. Le panche sono posizionate in maniera asimmetrica di fronte all’altare, nel tentativo di far accomodare la folla disordinata. Sono tutti perplessi, perché la bara è vuota. Invece di riposare in pace, il primo ministro è seduto...
Leggi altro
poesia del giorno


Camicia

Entrarci
mentre giace
sgualcita sul pavimento
senza dar noia a una sola grinza

rispettoso
di come la gettai
la sera prima
di come le venne fatto di atterrare

quasi pilotando
contorsioni impossibili
da ripetere ora
attraverso una manica annodata

Charles Simič
OFFICINA POESIA
La poesia di Elsa Morante

La poesia di Elsa Morante

Daniel Samoilovich, Las Encantadas

Daniel Samoilovich, Las Encantadas

Tracy K. Smith, Garden of Eden

Tracy K. Smith, Garden of Eden

Jorie Graham, Fast

Jorie Graham, Fast

Sui treni del mattino

Sui treni del mattino

RUBRICHE

Lexotan

a cura di

Giulio Silvano

Coccodrilli

a cura di

Giorgio Nisini

Melotecnica

a cura di

Elisa Casseri

Nodo parlato

a cura di

Lorenzo Pavolini

Con le migliori intenzioni

a cura di

Marco Cubeddu

L'isola deserta

a cura di

Francesca Ferrandi

I dimenticati

a cura di

Flavia Piccinni

La rete aveva un solo buco

a cura di

Ilaria Giudice

Leggere ai tempidei Social Network