Le briciole sul davanzale

Le briciole sul davanzale

Il secondo coccodrillo di questa rubrica è firmato da Romana Petri. È dedicato a un professore di latino, non sappiamo quanto reale o inventato, anche se il confine tra vita e simulazione decade di fronte all’autenticità dei sentimenti messi in gioco. La malinconia per la scomparsa di un uomo è in fondo malinconia per un passato perduto, o forse per un destino perduto. In questo raccontare il vuoto, Petri ha colto in pieno il senso e le possibilità di un genere letterario anomalo che qui cerchiamo...
Leggi altro
La festa dell’insignificanza

La festa dell’insignificanza

Leggere La festa dell’insignificanza si è rivelata una pura casualità. Non è stata una lettura premeditata, né appartiene a quella categoria di romanzi che hanno occupato gli scaffali della mia libreria per un tempo indefinito, in attesa del loro momento. Qualsiasi “lettore forte” si riconoscerà in ciò che ho appena scritto: mi riferisco a quella necessità, talvolta compulsiva, di accumulare libri su libri, quasi si avesse il timore di rimanerne all’improvviso sprovvisti o di perdere per strada il romanzo adocchiato, in quel particolare frangente. Mi...
Leggi altro
Capire la complessità: “In piena luce” di Zoë Wicomb

Capire la complessità: “In piena luce” di Zoë Wicomb

Città del Capo, immediato post-apartheid. Marion Campbell, giovane sudafricana bianca (no, questa volta non si può evitare di porre enfasi sul colore della pelle, poi capirete perché), gestisce un’agenzia di viaggi e sembra incarnare il prototipo della donna emancipata. Vive sola in un condominio lussuoso vista mare, passa le sue serate nel letto a baldacchino che ha sempre sognato e guida una Mercedes. È single e sembra non sentire l’esigenza di aver un uomo con cui spartire il materasso né di amicizie cui poter telefonare...
Leggi altro
Ulisse racconta

Ulisse racconta

«In un angolo remoto dell’universo scintillante e diffuso attraverso infiniti sistemi solari c’era una volta un astro, su cui animali intelligenti scoprirono la conoscenza. Fu il minuto più tracotante e menzognero della “storia del mondo”: ma tutto ciò durò solo un minuto. Dopo pochi respiri della natura, la stella s’irrigidì e gli animali intelligenti dovettero morire.» Così Nietzsche, con una favola agghiacciante, deride il filosofo che pone l’uomo al centro dell’universo. Ai tempi in cui l’idea o l’uomo che chiamiamo per convenienza Omero sbatteva i...
Leggi altro
Addio fantasmi

Addio fantasmi

«Leggendo non cerchiamo idee nuove, ma pensieri già da noi pensati, che acquistano sulla pagina un suggello di conferma. Ci colpiscono degli altri le parole che risuonano in una zona già nostra – che già viviamo – e facendola vibrare ci permettono di cogliere nuovi spunti dentro di noi.» Cesare Pavese, Il mestiere di vivere. Diario (1935-1950)   Nessuna citazione potrebbe essere più calzante di questa mentre mi accingo a parlare di uno dei libri più intensi che abbia letto, con il suo stile immediato...
Leggi altro
poesia del giorno


L'arte della guerra

Il Faraone avanza sotto un cielo di ventagli
l'esercito va sempre a piedi su dodici file
dal deserto di sabbia alle pietre nere di Siria,
un leone senza laccio segue il carro reale.

Dove l'erba è fitta una città d'oriente
manda barbagli. Gli ambasciatori si consultano
fissano il luogo e il giorno dello scontro,
se una delle parti non è pronta la si attende.

Nelo Risi
OFFICINA POESIA
Il bel niente

Il bel niente

Esploratrici solitarie

Forme del tempo

Forme del tempo

Alter

Alter

Seamus Heaney, Sweeney smarrito

Seamus Heaney, Sweeney smarrito

RUBRICHE

Lexotan

a cura di

Giulio Silvano

Coccodrilli

a cura di

Giorgio Nisini

Melotecnica

a cura di

Elisa Casseri

Nodo parlato

a cura di

Lorenzo Pavolini

Con le migliori intenzioni

a cura di

Marco Cubeddu

L'isola deserta

a cura di

Francesca Ferrandi

I dimenticati

a cura di

Flavia Piccinni

La rete aveva un solo buco

a cura di

Ilaria Giudice

Leggere ai tempidei Social Network