POESIA DEL GIORNO

La Pavonia maggiore o Saturnia…

La Pavonia maggiore o Saturniala farfalla Atropo ed altre specie notturnesono un notevole esempio di mimetismo.Si adattano in parte all’ambienteper il colore più scuro e intensogrigio bruno sulle alima anche per i continui segniche vi ricorrono in forma di cerchie nel...

leggi tutto

La campana di vetro

Vidi la mia vita diramarsi davanti a me come il verde albero di fico del racconto.Dalla punta di ciascun ramo occhieggiava e ammiccava, come un bel fico maturo, un futuro meraviglioso. Un fico rappresentava un marito e dei figli e una vita domestica felice, un altro...

leggi tutto

Maestra di enigmi…

Maestra di enigmi Affermate che basta una parola E quella sola che nessuno ha – Lei che trasvola via dalla memoria Lucciola albale e falena È nera spina di pena Brùscolo a un occhio di storia – Venisse al mio parlare Èffeta e poi per sempre bocca muta Al servo vostro...

leggi tutto

Mio angelo…

Mio angelo, io non seppi mai quale angelofosti, o per quali vie storte ti amaio venerai, tu che scendendo ogni gradinosembravi salirli, frustarmi, mostrarmiuna via tutta perduta alla ragione, quandofacesti al caso quel che esso riprometteva,cioè mi lasciasti. Non...

leggi tutto

Inverno

È notte, inverno rovinoso. Un pocosollevi le tendine, e guardi. Vibranoi tuoi capelli selvaggi, la gioiati dilata improvvisa l’occhio nero;che quello che hai veduto – era un’immaginedella fine del mondo – ti confortal’intimo cuore, lo fa caldo e pago.Un uomo si...

leggi tutto

Sono venuto a prendere la vostra voce

Sono venuto a prendere la vostra voce, le vostre costruite note che fuoriescono dalla gola con gesticolazioni secche, meccaniche, sono venuto a prendere il palo assiale sebbene sia inflessibilmente eretto; quando apro la mia bocca, la luce verrà vi entrerà come una...

leggi tutto

Parolerie

Le parole – bambine piccole, molestano, fanno male,se le accarezzi ridono, poi subito si ostinano,han fretta di dir tutto, s’imbrogliano, sanno amare,diventan grido, tacciono, nascostamente svelano. Le parole – bambine piccole, a volte si ribellano,sanno dire le...

leggi tutto

Mania di solitudine

Mangio un poco di cena alla chiara finestra. Nella stanza è già buio e si vede nel cielo. A uscir fuori, le vie tranquille conducono dopo un poco, in aperta campagna. Mangio e guardo nel cielo – chi sa quante donne stanno mangiando a quest’ora – il mio corpo è...

leggi tutto

Questa passione

Non malediretula macchia,l’unto mantelloche mi batte e forala lastra della fronte.La mano passa e il labbro;raffredda il segno del battesimo tradito;fa’ che l’inseguitore non volutoabbia pietà di me,di te rispetto;che sia questa passioneombra,se non luce. (da...

leggi tutto

Grazie a noi

Stamattina ho saputoche la parola inglese gauze(stoffa ad uso medico tessuta a maglia fine)deriva dalla parola araba غزة‎ o Ghazzaperché gli abitanti di Gaza sono da secoli esperti tessitori mi sono chiesta allora quante delle nostre feritesono state fasciategrazie a...

leggi tutto

Intervista a un suicida

L'anima, quello che diciamo l'anima e non èche una fitta di rimorso,lenta deplorazione sull'ombra dell'addiomi rimbrottò dall'argine.Ero, come sempre, in ritardoe il funerale a mezza strada, la sua furianera ben dentro il cuore del paese.Il posto: quello, non cambiato...

leggi tutto

La corte

Mi muovo seguìto da una piccolacorte: le mosche viaggianonegli spazi morti, l’astucciodegli occhiali, la punta delle scarpe.Volano appena mi chinosui quaderni: sono malatedi letteratura, le rapisce l’odoredella scrittura. (da "Dimenticatoio", 1978)

leggi tutto