POESIA DEL GIORNO

Ricordo di settembre

Antico privilegio di madre:– ritrovare il figlio nel tempio.Perché, quando il cuore si ferma,ticchetta sul petto un orologio –tocca il viso che è come una fogliala foglia scossa via dal boato? Pianure dell’autunno polacco,colline dell’autunno polacco –chi tamponerà le...

leggi tutto

Il cigno, II

Parigi cambia. Ma niente nella mia malinconias’è mosso. Palazzi nuovi, impalcature, pietre, vecchi sobborghi, tutto per me diventa allegoria;e i miei cari ricordi pesano come rocce. Davanti a questo Louvre, un’immagine mi opprime:penso al mio grande cigno, con i suoi...

leggi tutto

Discussione sulla poesia

Sedevamo sulla riva del giorno – due poeti,presi dalla discussione sulla vera poesia,ed io, che li ascoltavo in silenzio. – La poesia – affermava l’uno senza ombra di dubbio, – è semplicità. Dobbiamo sradicarla dai vorticidella complessità! Basta con le nebbie! – Al...

leggi tutto

Gli squali

Di noi che cosa fugge sul filo della corrente?Oh, di noi una storia che non ebbe un seguitostracci di luce, smorti volti, sperselampàre che un attimo ravvivae lo sbrecciato cappello di pagliache questa ultima estate ci abbandona.Le nostre estati, lo vedi,memoria che...

leggi tutto

Lettera

Padre, il mondo ti ha vinto giorno per giornocome vincerà me, che ti somiglio. Padre di magre risa, padre di cuore bruciatopadre, il più triste dei miei fratelli, padre, il tuo figliolo ancora trema del tuo tremorecome quel giorno d’infanzia di pioggia e paura pallido...

leggi tutto

Magari

A voi, ragazze isolate del secolocondottiere silenziose, sconosciute alla gentevoi, sulle cui labbra è morto il sorriso,voi che siete senza voce in un angolo sperduto, piegate in due,cariche di ricordi, nascosti nel mucchio dei rimpiantise tra i ricordi vedete il...

leggi tutto

Il resto manca

Mancavano pagineil marmo dell’epigrafeera scheggiatodue sole parolecetera desuntil resto mancantemancanti la testa e i piedie tutto il resto mancanteche testa e piedi dividecetera desunt… cetera desunt…parole sul frontone d’un tempio vuotovorticanti col vento come per...

leggi tutto

Anelli del tempo

Degli anelli del tempo, che si aggiungonosempre nuovi, furono alcuni così strettiche ne ricordo solo l’orrore di soffocare.In altri, larghi e informi, vagai smarritasenza un sostegno a cui aggrapparmi. I più,pallidamente indifferenti, si ammucchiavanogli uni sugli...

leggi tutto

Estate

C'è un giardino chiaro, fra mura basse,di erba secca e di luce, che cuoce adagiola sua terra. È una luce che sa di mare.Tu respiri quell'erba. Tocchi i capellie ne scuoti il ricordo. Ho veduto caderemolti frutti, dolci, su un'erba che so,con un tonfo. Così trasalisci...

leggi tutto

Elianto

Questo elianto mutato dall'acqua è il sole ch'io vado contando nelle riposte frescure della terra nelle botole dell'autunno. Camminò negli specchi e nei boschi inclinò la mia casa rese false cornici e soffitti ora non è che il fregio dell'azzurro d'un feretro, del...

leggi tutto

L’allodola

Dopo il bacio – dall’ombra degli olmisulla strada uscivamoper ritornare:sorridevamo al domanicome bimbi tranquilli.Le nostre manicongiuntecomponevano una tenaceconchigliache custodivala pace.Ed io ero pianaquasi tu fossi un santoche placa la vanatempesta e cammina sul...

leggi tutto

SOTTO IL VÒLTO, III

Misero è l’uomo che ha bisogno di soccorsoMisero chi si accorgeQuanto non vale ricchezzaDi immagini maestà di pensieriVersata in libri di storia:Avessi io gli atti infinitiDel tuo lavoro a castigare la mia boria«Io non sto bene ancora, non staròMai più bene» – è tardi...

leggi tutto