Categoria: Poesia

Blanca Varela, Casa di corvi

Traduzione inedita di Myra Jara Toledo. Perché ti nutrì con questa realtà che cuoce male per tanti e così poveri fiori del male per questo assurdo volo a filo di pantano ego te absolvo di me labirinto figlio mio non è tua la colpa né mia povero piccolo mio di cui feci questo impeccabile ritratto …

Leggi altro

Franco Buffoni, Silvia è un anagramma

Silvia è un anagramma è un libro di prose saggistiche di Franco Buffoni, che esce il 5 agosto per Marcos y Marcos. Pubblichiamo tre estratti da Variante naturale, il primo capitolo.   LAICITA’ Giacomo Leopardi, mentre dalla Germania riceveva offerte di cattedre – rifiutate per timore del freddo, e nell’ultimo decennio anche perché sapeva che …

Leggi altro

Eugenio Montale, Casa sul mare

ll viaggio finisce qui: nelle cure meschine che dividono l’anima che non sa più dare un grido. Ora i minuti sono eguali e fissi come i giri di ruota della pompa. Un giro: un salir d’acqua che rimbomba. Un altro, altr’acqua, a tratti un cigolio. Il viaggio finisce a questa spiaggia che tentano gli assidui …

Leggi altro

Non “una storia come le altre”. Su Alessandro Ricci

di Emanuele Franceschetti   Bisogna anzitutto liberare il campo da facili equivoci: quella di essere semisconosciuta non è mai condizione sufficiente affinché sia necessario (non si faccia caso al bisticcio di parole) avvicinarsi con rinnovata attenzione all’opera di un autore. (Ri)accendere la spia dell’interesse su pagine poco o nulla conosciute può senz’altro contribuire a riattivare …

Leggi altro

Antonia Pozzi, Canto della mia nudità

Guardami: sono nuda. Dall’inquieto languore della mia capigliatura alla tensione snella del mio piede, io sono tutta una magrezza acerba inguainata in un color avorio. Guarda: pallida è la carne mia. Si direbbe che il sangue non vi scorra. Rosso non ne traspare. Solo un languido palpito azzurro sfuma in mezzo al petto. Vedi come …

Leggi altro

Marilena Renda, Fate morgane

Nove poesie inedite.   Se li guardi da vicino, i templi mostrano un animo nobile. Sono i convitati di un banchetto divino, e se temono il futuro non lo danno a vedere. Due volte ho viaggiato per incontrarli e due volte sono rimasta sulla soglia, la prima con te, poi con una guida che disprezzava …

Leggi altro

Arthur Rimbaud, Sensazione

Le sere turchine d’estate andrò nei sentieri, Punzecchiato dal grano, calpestando erba fina: Sentirò, trasognato, quella frescura ai piedi. E lascerò che il vento m’inondi il capo nudo. Non dirò niente, non penserò niente: ma L’amore infinito mi salirà nell’anima, E andrò lontano, più lontano, come uno zingaro Nella Natura, – felice come con una …

Leggi altro

Giorgio Ghiotti, Il mare di Milano

Cinque poesie inedite. …ci sono state sere più chiare, ce ne saranno, in cui uscire di casa a mezzanotte sarà tutta l’estate, tutto restare in piedi a una fermata, il primo tram che appare. Non sarò mai meglio di così. C’è un sogno che rincorro eternamente, ed è Milano, mia città di mare…     …

Leggi altro

Giulia Martini, Ciascuno per Firenze è come se…

Sei poesie inedite.   È colpa tua se adesso ho questi esiti. E sieti reo che tutto il mondo, Sally, sa cosa leggi, in quale modo esisti.   * Ciascuno per Firenze è come se calmamente deposto dalla croce questa mattina calmamente andasse. Passa il cinquantasette, quasi scivola pieno di gente, lento, sui viali – …

Leggi altro

Andrea Zanzotto, Al mondo

Mondo, sii, e buono; esisti buonamente, fa’ che, cerca di, tendi a, dimmi tutto, ed ecco che io ribaltavo eludevo e ogni inclusione era fattiva non meno che ogni esclusione; su bravo, esisti, non accartocciarti in te stesso in me stesso. Io pensavo che il mondo così concepito con questo super-cadere super-morire il mondo così …

Leggi altro