Search for - 854 results found

Valerio Magrelli, Navigare

Dalla sezione ‘Poesia’ del nuovo numero di «Nuovi Argomenti», appena uscito, pubblichiamo un poemetto inedito di Valerio Magrelli e la postfazione al testo di Riccardo Donati. Valerio Magrelli Navigare Navigare necesse est, vivere non est necesse I. “Devo proprio buttarmi?”, avrei dovuto dirmi. Ma intanto ero già in acqua: non si trascorrono dodici anni nuotando …

Leggi altro

Giorgio Caproni, Perchè restare

Chi sia stato il primo, non è certo. Lo seguì un secondo. Un terzo. Poi, uno dopo l’altro, tutti han preso la stessa via. Ora non c’è più nessuno. La mia casa è la sola abitata. Son vecchio Che cosa mi trattengo a fare, quassù, dove tra breve forse nemmeno ci sarò più io a …

Leggi altro

Vsevolod Nekrasov, Il potere compie un atto vile…

Vsevolod Nekrasov nasce a Mosca nel 1934. Alla fine degli anni Cinquanta entra a far parte del gruppo “Lianozovo”, dal nome del villaggio di baracche allora poco fuori Mosca, dove si riunisce una compagnia di poeti e artisti che in quegli anni avrebbero dato impulso all’arte concreta e concettuale. In epoca sovietica pubblica in Occidente …

Leggi altro

Giovanni Raboni, Dal vecchio al nuovo

Beh, certo, una buona ripulita… La fabbrica (corpi bassi e staccati, di mattoni) è coperta di rampicanti, di muschio o è come se lo fosse. Qualche sera – d’estate con in testa un cappello da fattore – è capace d’aspettare che gli operai, saranno cinque o seicento, passino il cancello: buonanotte, buona festa eccetera. Sa …

Leggi altro

Giuseppina Biondo, Canto con versi meccanici

Canto con versi meccanici è un poemetto inedito di Giuseppina Biondo, che fa parte di un libro di prossima uscita. Ho provato a cantare con versi meccanici metamorfosi e distrazioni, ero su una nave Palermo-Genova, ero sulla sedia di una camera da pranzo, ero sul marciapiede di un lungomare del Mediterraneo, ero sulle vie meno …

Leggi altro

L’avvelenamento

«Vorrei avvelenarmi e togliermi di mezzo,» disse il nonno un giorno, «e per come stanno andando le cose sarebbe meglio se lo facesse anche il bimbo». Io spiegai al vecchio che se proprio lo doveva avvelenare qualcuno, il bambino, sarei stata io, dato che era mio figlio. «Se vuoi avvelenarti tu, fa’ pure. Io vado …

Leggi altro

Una donna dipinta su una foglia. Per Eavan Boland (1944-2020)

Il 27 aprile è scomparsa la poetessa irlandese Eavan Boland, professoressa a Stanford University. In Italia sono state pubblicate alcune traduzioni di sue poesie nel volume Falene, Via del Vento edizioni, a cura di Giovanna Iorio. Pubblichiamo quattro poesie. Falene Profumo d’erba tagliata stanotte nell’aria. Sui rami arrugginiscono mele. L’estate è già un luogo smarrito …

Leggi altro