Simone di Biasio, Panasonica

Cinque poesie da Panasonica, uscito nel 2020 per Il Ponte del Sale.

Panasònica
La ricerca di panasonica non ha prodotto risultati.
Ti suggeriamo di controllare l’ortografia e di ritentare
oppure di provare la ricerca nelle forme flesse.

 

Allora non è vero che siamo diversi dalle macchine,
che loro si rompono e noi resistiamo in piedi
se poi si staccano pezzi anche dal corpo nostro
e non si riattaccano, non funzionano a mezzo servizio:
o connessione o silenzio, o vecchiaia o morte
non si passa mai in mezzo, sempre sul bordo sconnesso.

Rimetti a loro le nostre voci quotidiane, liberaci
dal mare che manda in onda quel rumore di fondo.

 

*

I giovani deridono i vecchi per la lingua
la grammatica scorretta, l’italiano incerto
ma quando sale un’eco che non finiscia mai
la lingua risutura una pagina stracciata:
il secolo scorso i poeti scrivevano io che andava…
allora tu sei dentro i romanzi del primo novecento
altrove citata in una rara antologia di poesia.

 

*

Già comunichi a noi attraverso il velo oscuro
della vecchiezza, tua minoranza linguistica
dalla gola della nonnaterra rinvengono fonemi
fossili da archeologia del linguaggio, pietre
da datare, pochi indizi, sfrantumati inizi
invece tu ordini i cocci crollati ai piedi, ripari
le reti neurali lisce per il tanto camminare,
spazzi i residui di pensiero a terra e arrecuje*.

Saper dire è una ferita aperta.

(*Raccogli, nel dialetto di Fondi)

 

*

A casa mia ‘ste cose non ci stavano!
– Vuoi dire che a casa tua non ci stava la vecchiaia?

Trova l’errore nella traduzione: la nuova Panasonica
sul menu ha “sintonia” per sintonizzazione.

Trova l’errore nella tradizione: le nuove parole
accendono un lampo di voce, fonovisione.

Scova il tradimento: non c’eravamo accorti
della panasonìa nelle case del tatto.

 

*

– E jamm’, Mari’, scemecenn’ nu poc’,
nì che sole che ce sta ‘ddafore!
– None, tu m’aja lassa’ perde a me
Ca nen ce la faccie: cammin’, vattenn’ da sul’!
– Senase! Ando’ vag’ ije senz’ de te!

S’ada sape’ ch’esisten ancor j’ammur de ‘na vot’
Ca spalanc’n anzembre le fenestr’ alla matin,
cammin’n dent’ alle cucine e nen se ferm’n maje
pure quand arriv’ ‘na malatia brutta
ca manc sapem nuje accom’ se dice:
le malatie so f’raster, quand son’n c’aja rapri’ ju purtone
e uffrirce tutt lu mej’ che ti’, chell che nen stai a suffri’

eppo’ amm’aspetta’, aspetta’ che se ne vann lor’ stess’:
nen t’avissa azzarda’ a fa ju scustumat

 

(‘Dai, Maria, usciamo un poco/ ci sta il sole fuori!’/ – ‘No, lasciami stare/ non tengo le forze: esci da solo.’/ – ‘No, senza te da nessuna parte.’// Esistono ancora gli amori di una volta/ che spalancano insieme le finestre al mattino/ girano in cucina senza stancarsi/ pure quando arriva un brutto male/ che non sappiamo manco definire:/ le malattie sono forestieri, quando suonano apri la porta/ e offri il meglio, tranne il tuo dolore// poi aspettiamo, aspettiamo che siano loro ad andar via:/ non ti devi permettere di fare lo scostumato.)

 

Immagine: Lucas Maassen & Sons’, Furniture Factory, series – 2013.