Cinque poesie

da | Gen 11, 2022

Il gruppo di ricerca Italian Poetry Today dell’Università di Oxford e la rubrica Officina Poesia di “Nuovi Argomenti”, in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Londra, hanno proposto nel 2021 un premio dedicato a brevi raccolte di poesie esclusivamente inedite. Alla prima edizione sono risultati vincitori Carlo Rettore (primo posto), Francesco Brancati (secondo posto), Francesco Terzago (terzo posto), con menzioni speciali per Bianca Battilocchi e Damiano Sinfonico. Pubblichiamo oggi Carlo Rettore. Per maggiori informazioni sul premio: Poetry Prize (italianpoetrytoday.com).

 

Drio ’l feston vien i vansi e i vansi
i zé ’l feston de łe bestie. Łe onge
łe jera pì nere de ’l sołito: ghe jera
tochi de corda so łe man fruàe.
______________________________(«Gheto
visto? Me pare l’è pì forte de ’l tuo»).

 

Dopo la festa vengono gli avanzi e gli avanzi / sono la festa degli animali. Le unghie / erano più sporche del solito: c’erano / pezzi di corda sulle mani consumate. // (« Hai / visto? Mio padre è più forte del tuo»).

 

*

Po’ metea i piè in moia, ’nte łe ruse
so łe rive. Pa ła carezà ’l vegnea su
onto, de sorte, el granturco bruzà
’nte i canpi
_____________(«ła tera ła vołe cuerta»)
e se podea catare l’ùltima anada,
parlare de màchine e semento,
sentirse intieri soło che
co ’l fontanaso ’nte łe sgnare.

 

Poi mettevo i piedi ammollo, fra gli urticanti / sui bordi dei fossi. Lungo la strada cresceva / sporco, spontaneo, il granturco bruciato / nei campi // («la terra va coperta») / e si poteva raccogliere l’ultima annata, / parlare di macchine e cemento, / sentirsi completi solo / con
l’acqua stagnante nelle narici.

 

*

No ła ndea masa ben, so on łato soło:
se vegnea su da ’l łeto senpre pì tardi e
no se podea dire se l’acua so ’l cuerto
de l’Alì ła fuse de piova o de brózema.
So ’l conpiute pasaa Murder, she wrote.
I ani otanta i parea de moda
______________________________ogni do mezi.

 

Non andava troppo bene, su un lato solo: / ci si alzava dal letto sempre più tardi ed / era impossibile dire se l’acqua sul tetto / dell’Alì fosse di pioggia o di brina. / Sul computer passava Murder, she wrote. / Gli anni Ottanta sembravano di moda // ogni due mesi.

 

*

Zé stà masa tardi; ghe jera on zbianso
de fioca ’nte ’l paltan de ła sałe, te jeri
bianco, te sì stà bianco pa ùndeze ani.
Ła nona ła pasaa i morti in sałoto.
Varda vanti:
______________la strada è sgombra, lurida.

 

È stato troppo tardi; c’era uno schizzo / di neve nel fango del sale, eri / bianco, sei stato bianco per undici anni. / La nonna sfogliava i morti in salotto. / Guarda avanti: // la strada è sgombra, lurida.

 

*

Tornar caza zé stà łongo senpre: jèrimo
piè scapinełi e ghe jera on fià de tera
in mezo i sasi. Marso te podei contare i ani
fra on dì e st’altro, ma oncò zé otobre: zé
vegnesto su el całigo anca Pàdoa, e va ben,
so mi. Podarìa inbrasarte.


Tornare a casa è stato interminabile: eravamo / a piedi nudi e c’era un po’ di terra / in mezzo ai sassi. A marzo potevi contare gli anni / fra un giorno e l’altro, ma oggi è ottobre: è / salita la nebbia anche a Padova, e va bene, / sono io. Potrei abbracciarti.

Immagine: Emilio D’Elia, Oscillazioni, 2021.


ULTIMO NUMERO

ACQUISTA ORA