tra spighe viola pallido

da | Apr 14, 2022

Due poemetti in anteprima da “tra spighe viola pallido”, volume che raccoglie poesie di Anna Cascella Luciani dal 2013 al 2017, con prefazione di Giulio Ferroni e una testimonianza di Marco Corsi, da poco uscito per Macabor.

 

NON SI RIAVVOLGE IL TEMPO

I

Non si riavvolge il tempo
nei suoi giorni –
e sofferenze che il tempo
scaturisce non un tempo
diverso – che sia nuovo –
migliora il passaggio
che c’è stato – supera
chi può – in sommo
o minor grado – la sofferenza
che fu inferta – e in gioia
vive – se può – se non è colto
da recidive sorti –

 

II

non tutto non sempre
da sofferenza – per i vivi
ancora – si ritesse in gioia
di speranza – non tutto
non sempre in via di ritorno
o fuga sopporta angoscia
di esiti – e s’immette –
e taglia – la terza delle Moire –
e Lachesi – si dice –
già sapeva –

III

– di Levi non si sa
se fu malore improvviso
a scivolarlo per il cono
oscuro delle scale – lo stretto –
buio cunicolo d’abisso –
simile alla polvere-fumo
degli uccisi ad Auschwitz
che salire vide – in peso
di gravità incontraria –
nel campo dove ebbe
reclusione – o se fu
il sopravvissuto dolore
a portarlo via – Torino –
11 aprile dell’ ‘87 –
e Benjamin – a un passo
dalla forse salvezza – in fuga
dall’orrore che lo perseguiva –
si uccide – nella notte
del 25 settembre del ‘40 –
Portbou – frontiera
tra Francia e Catalogna –
non reggendo ansia
di fuga – di persecuzione –

 

IV

da sofferenza a gioia non
sempre è dato di passare
– non sempre i colpi
rimarginano in nuova
mente – e corpo
di anima che duole –
e più non può – non vuole –

 

 

IL DECIMO CUORE

I

su di lei
il suo sguardo benevolo –
la sua tenerezza d’esilio
– ci sono curiose
esultanze che riemergono
giunchiglie – e a distanza
di stelo fioriscono –
bontà mai sopite –

 

II

un mare davvero di porpora
solo lontano –
o in lontanissime isole –
mi contento di un tramonto
tirrenico – fu pur sempre
quel sole che arrossò lo sbarco
di Enea –

 

III

(1964)

inonda la mente –
la mancanza
della bellezza –
imponente –
città tatuata
su strade – fontane –
rimane sul corpo –
la pelle – stridore
del caldo sui platani –
flotta acqua il giovane
andare – piazza
Navona era nostra –
il largo giornale –
aperto – di sera –
in gruppo – in lettura –
noi belli – sconosciuto
il futuro degli anni –

 

IV

l’angolo non raggiunto –
i cardini fermi alla terra –
– non si saprà mai
quanto avrebbero
inciso d’aperto –
quanto scoperto scrutinio
– geometrie d’un corpo
in teoria splendente
di linee –

 

V

tulipani reclinati
– molle il gambo –
curva campana
di petali – età
costituita dentro
un sipario – bianco –
oro di platino –
Incas d’argento –
trapezio bruciato
alla corsa – ripresa
di vuoto – rincorsa –

 

VI

gherigli di noce – castagne –
frutti d’inverno – equinozio
inoltrato d’autunno – stelle
più fredde – stagioni –

 

VII

la viola scovata
per caso – di selva –
stupiva nel parco
curato da esseri
umani – giardinieri
di villa – rastrellarono
lo spiazzo del lago –
lasciando il nascosto
profumo al dio cittadino –
Esculapio


VIII

non lontano il caffè
– i tavolini ombreggiati
di giugno – mese
che a villa Borghese
portava cappelli di piume –

 

IX

s’incontrarono un’ultima
volta – difficile
ogni parola – irrisolta
la richiesta d’incontro –
irredimibile il tempo
– materia di fluida
natura l’incapace
clessidra d’amore –

 

X

eppure una volta
– in altro splendore
di verde – una discesa
senza sentiero – strana
scelta tra sdrucciole
foglie – presenza
di nume tra i due –


ULTIMO NUMERO

ACQUISTA ORA