Ma chissà… (da Dubravko Pušek, “Carni trasparenti”, Lacaita, Manduria 1980)

Pušek

Ma chissà se sarai l’ombra,
se avrai una presenza
– quella presenza che dall’alto
al basso si fissa come un nodo
in gola,
oppure un nome alla bocca –