Le crepe

da | Ott 14, 2021

Cinque poesie da “Le crepe” di Franca Grisoni, da poco uscito nella collana Gialla Oro di pordenonelegge-Samuele Editore.

A olte el salta el lastic
che té l’orghen stricat
s-ciopa la piena
e vene e gula e occ
i basta mia al sanc
e ucurares ’na pena
e carta, carta tanta
carta che süghes el trop,
da fan ’na bala
da pudì scartà
a s-ciopetà nel föc
bu de scancelà.


A volte salta il laccio / che tiene l’organo strizzato / scoppia la piena / e vene e gola e occhi / non bastano al sangue / e occorrerebbe una penna / e carta, carta tanta / carta che asciughi il troppo, / da farne una palla / da poter scartare / a scoppiettare nel fuoco / capace di cancellare.

 

*

I-è apena ombre
i-è lure che le dis.
Lure le se dis
con el sò möis
che me völ ferma, de chí
e mia tra chèi
che i gh’à d’í za capit
e i gh’à cambiat
en vita el tazit.


Sono solo ombre / sono loro che si dicono. / Loro si dicono / con il loro muoversi / che mi vuole ferma, di qui / e non tra quelli / che devono aver già capito / e hanno cambiato / in vita il taciuto.

 

*

Ma l’è trop longa la cursa
e l’è isé fond el fond
che se ’l sa gnà e l’è tremendo
el bizigol da pasà
ma aca sta olta
no podaró mia mia fal
per en pusibol che ades,
ades no so gna qual
ma ’l ciama lü
el sigüta lü a tentam.


Ma è troppo lunga la corsa / ed è così fondo il fondo / che neanche si sa ed è tremendo / il brivido da passare / ma anche questa volta / non potrò non farlo / per un possibile che ora, / ora neanche so quale / ma chiama lui / continua lui a tentarmi.

 

*

Che lüs la lüs.
La lüs, che quanta,
ma tanta, che orba
la m’à tegnit e töt,
ma töt, per ela
el m’è sparit.
Apena ela, la lüs,
el vöt la l’à ’mpienit.


Che luce la luce. / La luce, quanta, / ma tanta, che orba / mi ha tenuto e tutto, / ma tutto, per lei / mi è sparito. / Solo lei, la luce, / il vuoto lo ha riempito.

 

*

Gh’è ’n pö grand regal?
Viver el sensa
con o sensa mal.
Bisogn ch’è stat leat
da ’na qualc grasia
ma mia scancelat.
de pö, de pö ’l m’à dat
che ’l vores pö chèl
che ’l m’è mancat
en de ’n pusibol sdegnus
che a perder el m’à ’mparat
se me domande:
che ’l sapes el perder
el me pö grand guadagn?


C’è regalo più grande? / Vivere il senza / con o senza male. / Bisogno ch’è stato tolto / da una qualche grazia / ma non cancellato. / Di più, di più mi ha dato / che non lo vorrei più ciò / che mi è tanto mancato / in un possibile sdegnoso / che a perdere mi ha insegnato / se mi chiedo: / che sia il perdere / il mio più grande guadagno?

 

Immagine: Alberto Burri, Cretto bianco, 1958.


ULTIMO NUMERO

ACQUISTA ORA