Domenico Brancale, Scannaciucce

Quattro poesie dalla sezione Inediti di Scannaciucce di Domenico Brancale (Mesogea, 2019).

Città finite
per essere i miei paesi
tumuli di terra
che mi hanno visto nascere
come quel filo d’erba
che non si arrende al muro di catrame
e lo trapassa

Città presto tornerò
a mangiare terra

 

Cittè rinnùtte
a paise mije
mucchie di terre
ca mi ’ne viste nasce
com’a culle file di ghèrbe
ca non s’ mpunte nnanze ’a ’sfalte
e ’a spirtùse

Cittè a ll’andrasàtte ’ggia turnà
a gnutte terre

 

*

Non è mai stato così tardi.
Dove sta la tua mano?
La tua mano sta nelle dita verso il labbro.
Una parete trema
di tutto si trema.
Un’altra bocca si richiude.
Tace come se parlasse allo specchio
come se nulla fosse
nel silenzio che ogni uomo
per amore dell’altro infrange.

 

Nonn’è màie state accussì tarde.
Andò i’è ’a mane tuie?
’A mane tuie stàie pp’o digite sop’u musse.
Na parete tremelléie
tremmelàme ppi gogne cose.
N’ate vucche si ’nchiùde.
Stàie citte come se parlére a llu specchie
come se niente i’ère
nd’u silenzie ca tutte o cristiene
pp’amore di ll’ate ’nfràngene.

 

*

Le due e mezzo, loro cercano il sole.
Escono fuori dalle crepe.
Stanno nel silenzio quelli che parlano.
Noi ci stringiamo contro i muri, dalle finestre ci spiano.
Noi non abbiamo vergogna. L’ombra è di carne
come fossimo il corpo di ciascuno di loro.

Parlare, credere, morire. Forse siamo ancora qui.
Tu, io – un solo respiro con il sangue.

«Eppure ogni uomo uccide ciò che ama»

 

O duie e mezze, lore cèrchene u sole.
I’éssene da fore ndonne o jacc.
Stanne nd’ ’u silenzie chille ca parlene.
Nuie ne stringeme alle mure, d’ ’o finestre ne spijène.
Nuie nonn’abbregugnaàme. Ll’ombre i’è di carne
come se fusseme u curperone di gognune di lore.

Parlà, crede, murì. Mbàreche sime angòre qqua.
Tu, i – skitte nu iate pp’u sanghe.

«Eppure tutte quante accìdine culle ca vòlene tante»

 

*

Vorreste farmi credere che se tornassi là
dove più leggero di una foglia
sono stato incollato al vento

– le parole in bocca sono aurora
che svegliano i morti

troverei ancora tutto quello che ho vissuto
senza avere il pensiero di vivere
quando il tempo conosce solo il presente
passato o futuro che sia.

Ora, ora, ora! Di questo si riempiono le orecchie.
Ora è il precipizio della memoria in cui precipitano i sogni.

Vorreste farmi credere che esiste ancora quel paese
le mie orme un attimo prima dell’ombra.

 

Me vulisse fa’ crede ca si turnere llà
andò cchiù pésele di na fronne
’ggi state ngullate allu viente

– o parole mucche so’ mattutine
ppi rivegghié o muorte

truvere angòre tutte chille cose ca ’ggi vessute
senz’u pinziere de vive
quanne u tiempe canosce sule u presente
passate o future ca sìie.

Mó, mó, mó! Accussi si ghìnghiene o recchie.
Mó i’è ’a garámme andò s’addrùpene o suonne nuoste.

Me vulisse fa’ crede ca abbevèsce angòre culle paise
o pedecàte nu mumente prime de ll’ombre.

 

Immagine: Maria Lai.