L’angel (parte II, LVIII)

da | Gen 5, 2022

Ma s’àn sbaliȃ el Crist e pö ‘Lenin,
sé ’l vör un àngiul che pö l’è ’n grass de rost?
I bun resun în pan dumȃ per chi
cun la resun ghe magna dì e nott,
ma l’òm cun l’òlter òm el se fa tost,
el g’à paüra a dì quèl che l’infescia,
el se fa sü, el cünta ball, el tòlla,
e tì cuj tò resun te sé cundî.
Dunca a fà l’àngiul ghe poch de rampegà,
ché l’àngel l’è la sulfa del vèss sul,
de ’vègh paüra che l’òm el te martèla,
paüra enfin che ghe sia mai resun
e mai l’ümanitȃ ghe sia surella,
ché nüm se sèttum denter ‘na presun
e se fèm àngiul per speransa al sû.

 

Ma se hanno sbagliato il Cristo e poi Lenin,
cosa può farci un angelo, che poi è meno di niente?
Le buone ragioni sono valide soltanto per quelli
che la ragione la frequentano giorno e notte,
ma l’uomo con l’altro uomo si fa duro,
ha paura di confessare ciò che lo tormenta,
s’imbroglia da solo, racconta menzogne, scappa,
e tu con le tue ragioni sei fatto fesso.
Dunque a far l’angelo c’è poco da raccogliere,
ché l’angelo ha il destino della solitudine,
di aver paura che l’uomo l’aggredisca,
paura infine che non ci sia mai una ragione
e mai l’umanità ci sia sorella,
ché noi ci sediamo dentro una prigione
e se facciamo gli angeli è per avere una speranza.

(da “L’angel”, 1994 e 2022)


ULTIMO NUMERO

ACQUISTA ORA