Autore: Fabio Pusterla

Cinque fotogrammi per Alberto Nessi

1. Nessun porto sepolto lì davanti tra Germignaga e Luino in fondo all’acqua falsamente innocente, per te tredicenne annegata a ferragosto, che venivi dall’Egitto a disperderti quassù in questa contrada infida di laghi e torrenti, nessun domani di sabbia o di sole.   2. «Noi allora la chiamavamo così, miseria» dice lei davanti a un’aiuola …

Leggi altro