Ricerca

RICERCA AVANZATA

15 Risultati

RACCONTO
Luglio: libri di viaggi Giulio Silvano
La via della scoperta «Lasciammo Caracas il 7 febbraio, con il fresco della sera, per intraprendere il nostro viaggio verso L’Orinoco. Il ricordo di questa partenza è oggi per noi più doloroso di quanto non fosse qualche anno fa. I nostri amici sono morti nel corso delle sanguinose rivoluzioni che, una dopo l’altra, hanno dato o tolto la
Leggi tutto...
Luglio: libri di viaggi
RACCONTO
Alprazolam Giulio Silvano
L'editoria è una giungla, ma ne escono dei frutti succosi che possono, ogni tanto, sostituire sedute costose e soprattutto gli psicofarmaci. Ecco cosa mi ha salvato in questi ultimi due mesi: Julio Ramón Ribeyro   "Scritti Apolidi"   La Nuova Frontiera  Il peruviano tabagista de "I genietti della domenica" ha raccolto questi duecento
Leggi tutto...
Alprazolam
RACCONTO
Lexotan Giulio Silvano
«Tutte le miserie dell’uomo – ci ricorda Pascal - derivano dal non essere capaci a star seduti in silenzio, da soli, in una stanza». Un libro possiede proprietà ansiolitiche, ipnotiche e miorilassanti; dirla così sembra banale, come le frasi scritte su foto di fiori e tazze da tè messe su Facebook, ma non trovo un altro modo per farlo.
Leggi tutto...
Lexotan
ARTICOLO
30/07/2014
Diario minimo dei libri che mi arrivano per posta: la coscienza e il romanzo Giulio Silvano
“’Noam Chomsky, per esempio, ha detto: ‘È decisamente possibile … che si imparerà sempre di più dalla vita dell’uomo e sulla sua personalità dai romanzi che non dalla psicologia scientifica’. Il motivo sta nel fatto che la scienza cerca di formulare leggi esplicative generali che si applicano universalmente, leggi che erano in
Leggi tutto...
Diario minimo dei libri che mi arrivano per posta: la coscienza e il romanzo
ARTICOLO
22/07/2014
Diario minimo dei libri belli che mi arrivano per posta: Cortázar Giulio Silvano
“Dovete sapere che queste lezioni le improvviso molto poco prima che voi arriviate qui: non sono un tipo metodico, non sono un critico né un teorico, quindi via via che mi si presentano i problemi di lavoro cerco le soluzioni”. Mi è appena arrivato “Lezioni di Letteratura” di Julio Cortázar (Einaudi, 2014), tenute a Berkley nel 1980.
Leggi tutto...
Diario minimo dei libri belli che mi arrivano per posta: Cortázar
ARTICOLO
08/05/2014
Umanità e io, il Montaigne di Zweig Giulio Silvano
“Montaigne non si stancherà mai di lamentarsi della sua cattiva memoria. Giunto a una certa perizia, vede in essa il suo vero difetto. Il suo intelletto e la sua capacità di percezione sono straordinari. Ciò che vede, comprende, osserva e riconosce, lo coglie con lo sguardo rapido del falco. Ma poi, come si rimprovera sempre, è troppo pigro
Leggi tutto...
Umanità e io, il Montaigne di Zweig
ARTICOLO
14/04/2014
Scrivanie: Caterina Bonvicini Giulio Silvano
  Quando: Scrivo il pomeriggio e la sera, o solo il pomeriggio o solo la sera. La mattina mai, leggo, e poi sono ancora troppo addormentata.   Dove: In cucina. Ho uno studio, ma lì ci leggo. Libero il tavolo della cucina e lo pulisco con il Glassex. Ho bisogno di uno spazio pulito, vuoto, senza libri intorno. Sono ordinata come
Leggi tutto...
Scrivanie: Caterina Bonvicini
ARTICOLO
05/02/2014
L’oroscopo di John Cheever Giulio Silvano
Ariete Mi sveglio, sentendomi misteriosamente l'ultima ruota del carro, l'ultima ruota di qualcosa. È come se ci fosse stato un furto durante la notte, mi sveglio ritrovandomi derubato di spirito e di vitalità.   Toro Questa preoccupazione per l'ordine esteriore – i fiori, il portasigarette scintillante – non solo è
Leggi tutto...
L’oroscopo di John Cheever
ARTICOLO
27/12/2013
Scrivanie: Carola Susani Giulio Silvano
  Orario: Quando serve concentrarmi mi sveglio presto, scrivo dalle 4:30 alle 6:30 del mattino. Sono due ore pulite, nel silenzio, necessarie avendo due figlie piccole. Poi lavoro altre due ore nel pomeriggio, mai oltre le quattro ore al giorno. Dove: la mattina uso la sala, con due tavoli e due computer e la libreria di Carlo, mio
Leggi tutto...
Scrivanie: Carola Susani
ARTICOLO
12/12/2013
L’Oroscopo di Tolstoj Giulio Silvano
Ariete Non aveva proprio una chiara e definita volontà di sposarsi, ma quando la ragazza si innamorò di lui, decise di proporre a se stesso la seguente domanda: “Perché poi non dovrei sposarmi?” Toro Una baba stava portando un secchio d'acqua. Il secchio era rotto. L'acqua gocciava per terra. E la baba era contenta che faceva
Leggi tutto...
L’Oroscopo di Tolstoj