Archivio mensile: giugno 2016

ARTICOLO
28/06/2016
Tra precarietà e forma chiusa Giacomo Raccis Damiano Sinfonico
«Il romanzo è come se uno ha una casa sua. Il racconto è un appartamento in affitto»: con questa frase di Antonio Tabucchi si apriva la presentazione della giornata di studi sul Racconto italiano contemporaneo tenutasi a Bergamo il 16 febbraio 2015, che inaugura un seminario sul racconto destinato a proseguire nei prossimi anni come
Leggi tutto...
Tra precarietà e forma chiusa
ARTICOLO
16/06/2016
Memorie di un rivoluzionario timido Loredana Magazzeni
Questo libro, appena uscito, ha avuto una prima anticipazione a Bologna, il 26 maggio scorso, in un dialogo tra me e Vincenzo Bagnoli, nell’ambito del Festival Multi-disciplinare Bologna in Lettere, ideato e diretto da Enzo Campi, che si avvale di una attenta e instancabile squadra di collaboratori (Francesca Del Moro, Mario Sboarina, Martina
Leggi tutto...
Memorie di un rivoluzionario timido
SAGGIO
Fausta Cialente, un ritratto Flavia Piccinni
Nella memoria dell’altrove Ci sono scrittrici che incidono la pietra, ma nonostante questo vengono dimenticate. Sono scrittrici che spesso amavano le ombre e i silenzi; e più i libri che le persone. Donne che facevano della questione politica e letteraria una necessità di vita, e che in un profondo solco di coerenza e di autodeterminazione
Leggi tutto...
Fausta Cialente, un ritratto
ARTICOLO
01/06/2016
Natalia Ginzburg e la rappresentazione dell’esperienza femminile Francesca Calamita
Natalia Ginzburg,[1]dando ampio spazio alla rappresentazione della famiglia italiana del dopoguerra, cattura non solo la quotidianità delle donne del tempo, ma anche le dinamiche sociali che esse si trovano ad affrontare. Essendo l’anoressia una complessa reazione alle richieste pressanti della società contemporanea e alle dinamiche familiari,
Leggi tutto...
Natalia Ginzburg e la rappresentazione dell’esperienza femminile