Mese: Febbraio 2014

Otto domande sul lavoro dell’editor – Giulia Ichino

Continua la serie delle interviste agli editor italiani. Abbiamo sottoposto il questionario a Giulia Ichino, editor della narrativa italiana per Mondadori. Hanno già risposto alle nostre otto domande: Ginevra Bompiani, Carlo Carabba, Stefano Izzo, Chiara Valerio, Gabriele Dadati. 1) Quali sono le caratteristiche principali che un libro deve avere per colpire la sua attenzione? Mi …

Leggi altro

L’inedita storia de “L’apparato umano”

Sarà stato 150 cartelle di 25 righe ognuna, da me battute pazientemente a macchina la sera, a casa, però mai dopo mezzanotte perché il vicino sentiva il ticchettio e cominciava a picchiare alla parete. Perciò ci misi più tempo, non solo perché fossi maldestro e mi scappassero parecchi errori, che fino a un certo punto …

Leggi altro

L’oroscopo di Gianni Rodari.

[Sul raccontare le favole] Il bambino non ci perde molto, perché lui ha i fumetti, ha la televisione, ha le altre favole… Chi ci perde semmai sono i genitori, che non hanno questo momento di dialogo importante che passa attraverso la fiaba, che è un modo di parlare del mondo, di parlare delle cose. È …

Leggi altro

Notizie. Renzi e Murakami, l’alfabeto dei libri dimenticati, i manuali secondo Eco.

“Nessuno al mondo può aver letto a fondo tutti i testi della storia del pensiero, dai presocratici agli analitici anglosassoni. I manuali suppliscono a questa situazione inevitabile.” Umberto Eco sull’importanza dei manuali. Perché gli scrittori sono i peggiori procrastinatori. Renzi e Murakami: “l’arte di correre”. Quale autore classico è la tua anima gemella? L’alfabeto dei …

Leggi altro

Vila-Matas: installazione vivente a Kassel

Inizialmente tentennò; poi accettò; alla fine se ne tornò in albergo e decise di scriverci un romanzo: le reazioni di Enrique Vila-Matas alla proposta degli organizzatori di dOCUMENTA: passare cinque giorni interi a scrivere in un ristorante cinese di Kassel, in Austria, osservato da tutti. Insomma, trasformarsi in un’installazione vivente. Nel romanzo appena uscito in …

Leggi altro

Conversando con Joyce.

Un sabato sera di quasi un secolo fa, Arthur Power entrò al Bal Bullier di Parigi per vedersi con una lavandaia e si ritrovò seduto al tavolo in cui James Joyce e Sylvia Beach brindavano al successo dell’Ulisse. I due artisti dublinesi divennero amici. Le loro conversazioni, annotate ogni sera dal pittore, furono pubblicate nel …

Leggi altro

Svevo, Weaver, Svevo. Un classico italiano ritradotto in italiano.

Alessandro Lolli traduce dall’inglese all’italiano l’incipit del diario di Zeno Cosini, da Zeno’s Conscience: il romanzo di Italo Svevo nella versione inglese di William Weaver. L’ultima sigaretta Quando parlai al Dottore della mia debolezza col fumo, mi disse di iniziare la mia analisi ripercorrendo lo sviluppo di quest’abitudine dall’inizio. “Lo scriva!” disse “e vedrà quanto …

Leggi altro

Bret Easton Ellis a tutto campo.

C’è vita oltre ‘’American Psyco’’, e di cosa parla veramente quel libro secondo il suo stesso autore? Cos’è che accomuna Kanye West e Jennifer Lawrence? Che vuol dire ‘’post-impero’’ e perché è una definizione calzante per l’America di oggi? Chiamato al telefono da Vice, un Bret Easton Ellis imbiancato narra della sua adolescenza californiana, dei …

Leggi altro

Duelli in punta di penna

Giulio Passerini ha raccolto in un libro, Nemici di penna, “i migliori insulti, i litigi epocali, i duelli in punta di penna e le sciabolate più volgari” avvenuti nel mondo letterario. Alcuni match: Gore Vidal vs Joyce Carol Oates; Gustave Flaubert vs George Sand; William Faulkner vs Ernest Hemingway; Truman Capote vs Jack Kerouac; Gore Vidal …

Leggi altro

Il blu oltremare, il blu di Prussia, il rosa Tiepolo, il non-colore. Eleonora Marangoni e Proust.

Dalla settima pagina di Proust. I colori del tempo (Electa, 22 euro), Alessandro Piperno ci accompagna e Eleonora Marangoni ci porta a scoprire i colori dell’opera di uno scrittore che da adolescente aveva come passatempo preferito quello di “entusiasmarsi”, come fissa quella dei nomi propri, e voglia di piangere quando si accorgeva quanto le rose fossero rosa. …

Leggi altro